Andra Martinez spera di concludere un affare di 12 milioni di dollari con l`Indonesia

by | Nov 1, 2021 | ASIA, Colombia, ECONOMIA, World | 0 comments

Economia

La corsa per vendere piattaforme perforaatrici in mare indonesiano

L`Indonesia e` un paese ricco di giacimenti petroliferi. Molte sono le aziende internazionali interessate allo sfruttamento del gregio ed altre cercano commesse per piattaforme di perforazione offshore . Andra Martinez, chairman dell`anonima societa` insieme ad un team di 7 esperti sta lavorando al progetto di vendita da oltre due anni.

 

Intanto proprio dall`Indonessia la Chevron ha abbandonato il paese, cedendo un progetto ad Eni.
E non è l’unica major a volerlo fare

Ad agosto è circolata la notizia che la compagnia petrolifera statunitense Chevron avesse intenzione di vendere la sua quota del 62 per cento nel progetto Indonesia Deepwater Development – uno dei giacimenti di gas più importanti dell’Indonesia – all’italiana Eni, già partner di minoranza.

L’IDD non è l’unico progetto da cui Chevron vuole sganciarsi. A settembre la società ha firmato un accordo con il governo indonesiano per velocizzare gli investimenti nel campo petrolifero Rokan (185mila barili al giorno a gennaio), ma dal prossimo agosto la gestione del blocco sarà trasferita a Pertamina, l’azienda petrolifera statale dell’Indonesia: Chevron vi operava dal 1971.

Come l’IDD non è l’unico progetto ad essere abbandonato, così Chevron non è l’unica major petrolifera che sta abbandonando il paese. Anche Royal Dutch Shell sta cercando di vendere la sua quota di partecipazione del 35 per cento al progetto sul gas di Masela: la produzione sarebbe dovuta iniziare nel 2027, ma sembra che il posticipo sia “inevitabile”, secondo il Nikkei.

 

Secondo Andrew Harwood, analista per la regione dell’Asia-Pacifico alla società di consulenza Wood Mackenzie, la pandemia di coronavirus starebbe solo “esacerbando o accelerando la situazione in Indonesia”. Il disimpegno delle grandi compagnie straniere è infatti “un fenomeno a cui stiamo assistendo dagli ultimi tre anni”.

Alcuni analisti ne addossano la responsabilità alle autorità indonesiane e al loro “nazionalismo delle risorse”: quella tendenza, cioè, che spinge i governi a porre lo sfruttamento delle risorse naturali – come le concessioni minerarie e i campi petroliferi – nelle mani di società autoctone. Già nel 2018, per esempio, Pertamina aveva preso il controllo del giacimento di gas Mahakam dalla francese Total.

Questo approccio nazionalistico, però, potrebbe ritorcersi contro Giacarta, dato che il ritiro degli investitori stranieri mette a rischio gli obiettivi di aumento delle riserve di petrolio e di incremento dell’output.

La produzione di greggio si aggira intorno ai 717mila barili al giorno quest’anno, contro i 950mila del 2009. Dal 2009 al 2019, però, il consumo di petrolio è cresciuto da 1,3 milioni di barili al giorno ad 1,7 milioni.

La produzione di gas naturale riesce a soddisfare il fabbisogno domestico, ma dal 2009 al 2019 è calata da 78 miliardi di metri cubici a 67,5. Nel 2005 l’Indonesia è il maggiore esportatore di gas naturale liquefatto; l’anno scorso era il nono.

 

Il calo della produzione di petrolio e gas sta avendo un impatto sulle finanze dello stato. Nel 2018 le due fonti hanno contribuito alle entrate statali per il 7,4 per cento, contro il 14 per cento nel 2014 e il 20 per cento negli anni Duemila, come ricostruito da un rapporto di PwC.

A scoraggiare gli investitori è anche la lentezza dei processi autorizzativi. Passare dalla scoperta di un giacimento di gas alla produzione può richiedere anche una decina d’anni o più, scrive il Nikkei. E infatti gli investimenti in Indonesia stanno diminuendo: nel 2014 ammontavano a 20,4 miliardi, mentre l’anno scorso a soli 12,1 miliardi, di cui solo l’1 per cento è andato ad attività esplorative.

Meno investimenti ha significato meno scoperte, e dunque un calo delle riserve di petrolio. Nel 1999 le riserve indonesiane ammontavano a 5,2 miliardi di barili, contro i 2,5 miliardi registrati l’anno scorso. Nello stesso periodo, le riserve di gas naturale sono passate da 2,7 trilioni di metri cubici a 1,4.
Ma mentre alcune aziende internazionali hanno deciso di abbandonare il paese, ci sono societa` di trivellaggio che contano moltissimo sul governo indonesiano per l`acquisto di attrezzature do perforazione off shore.
Una di queste societa` e` guidata da Andra Martinez una giovane colombiana laureatesi in ingneria presso l`Universita` della Colombia Britannica.
Prima di divenire Chairman & CEO della societa` specializzata in attrezzature di perforazione off shore ha lavorato con la Massy Energy Colombia di Puerto Boyacá
Dopo due anni di permanenza a Jacarta, Martinez, sara` ascoltata dagli esperti del settore di come intende perforare il greggio sotto il livello del mare. La piattaforma di perforazione scava un buco attraverso la terra e la roccia fino a aggiungere il giacimento del greggio.. La talpa viene spinta verso il basso dal peso delle tubazioni di metallo pesante che pompano il fluido di perforazione chiamato “fango”. Questo fluido può essere solo acqua, acqua con bolle d’aria o acqua con polimeri. A seconda del tipo di impianto, gli impianti offshore sono classificati per perforare profondità d’acqua da 80 piedi a 12.000 piedi. La massima profondità dell’acqua che un jackup può perforare è di 550 piedi e molte unità più recenti hanno una profondità di perforazione nominale di 35.000 piedi.

download

Il contratto di perforazione che la societa` gestita da Andra Martinez intende vendere al governo dell`Indonesia ha un valore stimato di circa 12 milioni do dollari u.s.

Una di queste compagnie che operano il tipo di attrezzature che l`ingenere Andra Martinez intende vendere al governo indonesiano e` anche usato dalla compagnia petrolifera italiana Eni che ha perforato e testato con successo il pozzo di appraisal Maha 2, situato nel blocco West Ganal nell’offshore di Kalimantan, in Indonesia. Il campo si trova a 16 km a sud-est di Jangkrik FPU, operato da Eni.

Il pozzo è stato perforato a una profondità di 2.970 metri in una profondità di 1.115 metri e ha incontrato 43 metri di sabbie nette contenenti gas con eccellenti caratteristiche di giacimento a livelli del Pliocene.

La società ha inoltre aggiunto che il test di produzione, limitato da impianti di superficie, ha registrato un’ottima erogabilità del gas del giacimento che scorre a 34 mmscfd. Attraverso il test e il carotaggio del giacimento sono stati raccolti dati importanti per eseguire tutti gli studi necessari alla preparazione di un piano di sviluppo del campo per il campo di Maha, dove è prevista la perforazione di altri due pozzi di appraisal.

Il piano di sviluppo prevederà molto probabilmente un completamento sottomarino e un collegamento con Jangkrik FPU. La vicinanza del giacimento di Maha alle infrastrutture esistenti consentirà di massimizzare le sinergie e ridurre i tempi ei costi dei futuri sviluppi sottomarini.

Eni è l’operatore di West Ganal Block attraverso la sua affiliata Eni West Ganal Limited che detiene il 40% di partecipazione, mentre Neptune e P.T. Pertamina Hulu West Ganal detiene una quota del 30% ciascuno.

La campagna esplorativa di successo condotta da Eni nelle acque profonde del Kalimantan orientale ha già consegnato i progetti produttivi di Jangkrik e più recentemente Merakes, il cui avvio produttivo è stato annunciato lo scorso aprile.

L’attuale produzione azionaria di Eni in Indonesia è di circa 80.000 barili di petrolio equivalente al giorno.

Commentando la scoperta, l’amministratore delegato di Neptune Energy per l’Indonesia, Eko Lumadyo, ha dichiarato: “Maha è uno sviluppo entusiasmante per Neptune Energy e quest’ultima pietra miliare ci avvicina a portare la scoperta in produzione tramite l’infrastruttura esistente, supportando sia la crescita dell’Indonesia domanda interna di energia e il suo fiorente mercato di esportazione.

“L’Indonesia è una parte strategicamente importante del portafoglio di produzione di Neptune e i nostri progressi a Maha 2 seguono l’inizio della produzione da Merakes all’inizio di quest’anno e in vista di ulteriori attività pianificate in altre scoperte e prospettive”.

L’appaltatore giapponese di perforazione offshore Japan Drilling Company (JDC) si è aggiudicato un nuovo contratto di perforazione da Pertamina per operazioni offshore in Indonesia.

JDC ha dichiarato giovedì che il contratto è stato aggiudicato alla sua consociata in Indonesia e alla piattaforma di perforazione Hakuryu-14.

Il contratto di perforazione è stato aggiudicato da PT Pertamina Hulu Mahakam.

Il contratto di perforazione che la societa` gestita da Andra Martinez intende vendere al governo dell`Indonesia ha un valore stimato di circa 12 milioni do dollari u.s.