Stop della Rai al monologo sul 25 aprile, scontro tra Scurati e Meloni L’opposizione: ‘E’ censura’. L’azienda nega: ‘Voleva troppi soldi’.

by | Apr 20, 2024 | Italy, POLITICS, World | 0 comments

Politica



Bortone legge il testo in trasmissione


Non c’è Antonio Scurati in studio a CheSarà, stasera su Rai3.Ma il suo monologo sul 25 aprile bloccato dalla Rai a 24 ore dalla messa in onda viene letto integralmente, in apertura di puntata, dalla conduttrice Serena Bortone. ‘Me lo ha regalato lo scrittore’, spiega.

La combo, realizzata con due immagini di archivio, mostra Antonio Scurati e la premier Giorgia Meloni. ANSA

Un testo diventato intanto virale e condiviso perfino da Giorgia Meloni sul suo profilo Facebook, ‘perché chi è sempre stato ostracizzato e censurato dal servizio pubblico non chiederà mai la censura di nessuno’. ‘In un’Italia piena di problemi, anche oggi la sinistra sta montando un caso. Stavolta è per una presunta censura a un monologo di Scurati per celebrare il 25 aprile.

La sinistra grida al regime, la Rai risponde di essersi semplicemente rifiutata di pagare 1.800 euro (lo stipendio mensile di molti dipendenti) per un minuto di monologo. Non so quale sia la verità, ma pubblico tranquillamente io il testo del monologo (che spero di non dover pagare)’, scrive Meloni nel post. Parole alle quali replica lo scrittore, in una lettera pubblicata da Repubblica.it: “La informo che quanto lei incautamente afferma, pur ignorando per sua stessa ammissione la verità, è falso sia per ciò che concerne il compenso sia per quel che riguarda l’entità dell’impegno”, sottolinea Scurati. ‘Non credo di meritare questa ulteriore aggressione diffamatoria’. E continua: ‘Il mio pensiero su fascismo e postfascismo, ben radicato nei fatti, doveva essere silenziato. Continua a esserlo ora che si sposta il discorso sulla questione evidentemente pretestuosa del compenso. Pur di riuscire a confondere le acque, e a nascondere la vera questione sollevata dal mio testo, un capo di governo, usando tutto il suo straripante potere, non esita ad attaccare personalmente e duramente con dichiarazioni denigratorie un privato cittadino e scrittore suo connazionale tradotto e letto in tutto il mondo. Questa, gentile presidente, è una violenza. Non fisica, certo, ma pur sempre una violenza. È questo il prezzo che si deve pagare oggi nella sua Italia per aver espresso il proprio pensiero?’.

Il caso si apre in mattinata con un post su Instagram in cui Serena Bortone spiega di aver appreso ‘casualmente’ ieri sera che era stato ‘annullato il contratto’ con Scurati, ‘senza spiegazioni plausibili’. Una scelta subito criticata dall’opposizione, che grida alla ‘censura’, mentre Repubblica.it anticipa il testo del monologo – poi diventato virale ovunque, in cui Scurati accusa la premier di non aver mai ripudiato “nel suo insieme l’esperienza fascista”. La risposta di Viale Mazzini è affidata alle parole di Paolo Corsini, direttore dell’Approfondimento: ‘Nessuna censura. La partecipazione di Scurati non è mai stata messa in discussione’, spiega, ricordando che il nome dello scrittore era stato inserito nella scaletta ufficiale degli ospiti e invitando a ‘non confondere aspetti editoriali con quelli di natura economica e contrattuale, sui quali sono in corso accertamenti a causa di cifre più elevate di quelle previste e altri aspetti promozionali da chiarire connessi al rapporto tra lo scrittore e altri editori concorrenti’.

Nel mirino sarebbe finita dunque la richiesta economica – che sarebbe stata di 1.800 euro – e il rischio di fare indirettamente pubblicità alla serie di Sky tratta da M. Il figlio del secolo, il libro premio Strega 2019 di Scurati. La Rai avrebbe pensato di ospitare lo scrittore gratis poi avrebbe provato a chiudere a 1.500 euro. Una nota interna all’azienda riporta però che la partecipazione è stata annullata ‘per motivi editoriali’. E Bortone precisa in diretta: ‘Ho letto ricostruzioni fantasiose e offensive: preciso che la reazione di Scurati è stata di regalarmi il testo’. La Rai ‘chiarisca sul super compenso di Scurati’, chiede da Fratelli d’Italia il presidente della commissione Cultura della Camera Federico Mollicone. Gli fanno eco gli esponenti FdI in Vigilanza, annunciando la richiesta di audire i vertici di Viale Mazzini: ‘Si deve accertare se corrisponde al vero che per leggere un monologo di un minuto sul 25 aprile la Rai avrebbe dovuto pagare circa 2mila euro’ e ‘se la mancata messa in onda sia da addebitare a una scelta editoriale o invece economica’. E mentre, dal palco della manifestazione con la Uil, anche il segretario della Cgil Maurizio Landini punta il dito contro ‘l’oscuramento’ di Scurati, il testo dello scrittore sarà letto in diverse piazze e teatri italiani il 25 aprile, su invito del sindaco di Bergamo Giorgio Gori

Riproduzione riservata © Copyright ANSA